Intravedere

Just another WordPress site

This content shows Simple View


Category Archives Attualità

Leggevo….

Leggevo…

India, Cina, e paesi emergenti stanno sfornando centinaia di milioni di giovani con inglese fluente, lauree specialistiche, competenze in intelligenza artificiale, stampanti 3D, cibernetica, quantistica, nanotecnologie.

Quindi, visto che il futuro si giocherà tramite quelle competenze, puntateci anche voi, giovani che state studiando.

Dante, e Schopenhauer, la sociologia e l’Arte, saranno anche affascinanti, ma non vi daranno da mangiare.

Sembra logico, invece secondo me è una sciocchezza.

Tra dieci, venti anni , appunto ci saranno quasi un miliardo di tecnici sopraffini – cinesi e indiani sono geni della matematica – ma ne servirà un numero molto inferiore.
Ogni supertecnico alza la produttività di un sistema, un miliardo di tecnici dell’automazione possono mandare avanti la galassia, non la Terra. Le nuove fabbriche tipo Gigafactory di Tesla, o la nuova Foxcon, producono il doppio di prima con un quinto dei tecnici e un decimo degli operai.

Tu, povero ragazzetto italiano dall’inglese biascicato, dovresti poi competere con mille milioni tra cinesi, indiani, malesi, bengali, vietnamiti, brasiliani, indonesiani, pakistani, tutti tecnici cazzutissimi, per un posto su cento ?

Da retta a me, giovane italiano, semina il grano.
Semina la canapa e con quella facci lavori con macchine 3D.
Impara a fare il formaggio di fossa, che il formaggio cinese nella fossa ti ci manda,
Impara a fare il vino che il vino indiano se lo bevessero loro, impara la storia del Rinascimento.
Impara a stagionare le salsicce come a Norcia.
Impara a fare la pasta, nelle 11.000 forme che ci sono in Italia.
Impara una per volta le 900 paste ripiene; ogni regione ne ha 80.
Impara a fare la pizza come Cristo comanda, e il mondo sarà tuo.
Impara a fare la Birra, dal malto.

Impara la lingua Italiana. BENE.
Impara a parlare e a pensare bene.

E sopratutto studia quello che ti piace e fai della tua passione il tuo lavoro.

E’ li che non ti batterà nessuno.




Acquedotti

Sono riusciti a rendere povero uno dei tre o quattro paesi più ricchi del mondo.
Sono riusciti a far fallire la banca più antica del mondo, fondata prima che Cristoforo Colombo andasse in Spagna.

Sono riusciti a distruggere il secondo sistema sanitario del pianeta.

Ora sono riusciti a far rimanere senz’acqua la città che ha inventato gli acquedotti.

Buoni a nulla capaci di tutto.




Analisi interessante

iamo in una fase interessante.
Un ministro della salute che impone l’avvelenamento vaccinale di massa dopo aver tagliato la copertura del sistema nazionale per 239 esami su 280.
Un ministro della Economia che alternativamente dice che il sistema bancario era ed è sano e robusto mentre stanzia per salvare dal fallimento le banche, cifre che usate in qualunque altra maniera risolleverebbero l’Italia.
Un ministro della funzione pubblica che elimina i forestali mentre il fuoco elimina le foreste proibendo loro di intervenire in caso di incendio.
Un ministro della difesa che invia aiuti e armi a paesi belligeranti pur essendo questo proibito dalla Costituzione.
Un ex primo ministro che dopo aver giurato che “sarebbe andato a casa” – ” è una questione di dignità – si ricandida.
Un ministro dell’Interno in flagrante complicità in una invasione programmata e continua.

Non è per sollecitare indignazione che ho scritto tutto ciò, che già sapevate benissimo, ma per una analisi seria, articolata e difficile.

La politica è teatro.
I politici sono bravi attori strapagati per farci credere di contare.
Bene. Questo l’avevamo già capito ma…

Questo terzo tempo, questa rappresentazione, è davvero possibile sia così’ mal fatta ?
E’ davvero possibile che di colpo i registi, o produttori di questa attività scenica, fino ad ora così sofisticata, abbiano sbagliato copione, preso attori mediocri, si facciano “scoprire le carte ” e legger la trama ?

Oppure c’è dell’altro, e i burattinai ci fanno vedere i “fili” perché così vogliono, e non per errore ?
E se si, perché ?

Analisi non facile.




Cosa è bene ?

L’idea che sia una cosa sensata iniettare veleni per migliorare il corpo di un bambino, segue la stessa logica di quella che suggerisce
Che sia un bene mettere preventivamente dei veleni sui cibi quando sono ancora sui campi.
Che sia un bene bombardare un popolo a fin di pace.
Che sia un bene pagare per quel che era gratuito.
Che sia un bene tenere i bambini seduti per ore.
Che sia un bene far arrivare il cibo via nave dalla cina.
Che sia un bene torturare miliardi di animali per poi farli a pezzi e ingoiarli.
Che sia un bene strappare i cuccioli alle madri per rubar loro il latte.
Che sia un bene alzarsi la mattina presto, attraversare l’inferno, per andare in un posto del cazzo a fare quello di cui non ci frega niente.
Che sia un bene aver talmente da fare da “non avere tempo”.
Che sia un bene guardare l’altro con timore o astio..”non si sa mai”.

E che tutto ciò sia un bene ce lo dice la TV, dopo averci convinto
Che sia un bene guardarla per ore, la sera, invece di guardare il mondo, i boschi, i fiori, gli altri, gli amici e soprattutto dentro di noi, per ricordarci cosa volevamo da piccoli, cosa ci faceva vibrare…
Cosa davvero era ed è bene.




Vabbè…

foto di Francesco Neri.
Ci stanno rubando tutto.

Allora pensiamo allo Ius Soli.

Ma che c’entra, chiudono 360 aziende al giorno !

” Razzista ! “.

E’ una emergenza, vacciniamo tutti.

Ma..non c’è nessuna epidemia.

” Non sei un medico ! ”

Allora riuniamo le camere per parlare di femmicidio.

“Ma…se sono molti di più gli OMIcidi ?

” Maschilista ! “.

Allora facciamo una bella manifestazione Gay Pride.

Ma…. e e se indicessi un Etero Pride ?

” Omofobo ! “.

Vabbè….. facciamo un’altra giornata della memoria.

“Ma ne abbiam fatte 120. Gli armeni, i nativi americani ….niente ? ”

” Antisemita !”.

Ci vuole più Europa.

Ma..io preferirei l’Italia tornasse libera e autonoma.

“Fascista”.

L’acqua, i beni pubblici, le spiagge, l’accesso al mare, la rete, l’informazione, la sanità dovranno sempre essere beni comuni e gratuiti. E non ci deve essere chi guadagna 100 volte più di un altro, o mille.

” Comunista ! “.




Acqua

foto di Francesco Neri.
foto di Francesco Neri.
foto di Francesco Neri.
foto di Francesco Neri.
Acqua.Dovremmo esigere che l’edilizia si adegui fin da subito, con imposizione sul nuovo, e con sgravi sugli adattamenti ristrutturali affinché ogni condominio, ogni casa, abbia una considerevole riserva d’acqua recuperata dalle piovane, diciamo 3 metri cubi ad abitante.
Con quella, e SOLO con quella si alimenti il circuito che porti l’acqua ai bagni.
La potabile sia collegata solo alla cucina.
Dalla cucina poi, tramite un filtro semplicissimo, cioè un pozzetto a caduta o al limite un secondo pozzetto con filtro, ri-alimenti poi i bagni.
Solo da questi si vada in scarico.
In campagna dallo scarico si può fitodepurare e irrigare l’orto.

Con questi accorgimenti si ottengono enormi risparmi del consumo di acqua, abbassamenti notevoli dell’acqua in uscita dalla fogne quando ci sono gli acquazzoni, aumento delle coscienza diffusa in merito a questo bene preziosissimo e una riduzione grande dell’uso scriteriato di detersivi, candeggine e veleni vari.

Dovremmo esigere investimenti cospicui negli acquedotti che oggi perdono dal 40 al 50% dell’acqua portata.
Via i privati dalla gestione dell’acqua e ristrutturazioni programmate di tutta la rete idrica nazionale.

Dovremmo esigere una pianificazione attenta della gestione dei corsi d’acqua: da ricettacolo di veleni a dispensatori di vita.

Dovremmo esigere una relazione parlamentare seria, cogente, obbligatoria e sotto giuramento che spieghi chi irrori nei cieli e cosa, quando, con che permessi, che studi epidemiologici sono stati fatti a riguardo. Che studi geoingegneristici sono stati approvati da chi e quando.
Nel frattempo il BLOCCO immediato e totale di ogni permesso di irrorazione nei cieli; da ogni fonte.

L’acqua è’ vita.

Il 99% delle nostre cellule sono acqua.

Serve sapere altro ?




Contest

Votatemi a questo contest.
Vi attende un light lunch
Dress code: casual.

Siete dei cafoni, tutto lì.

“Concorso”, “pasto leggero” e “abbigliamento informale”, vi facevano schifo ?
Allora vi fa schifo la vostra lingua, che è il vostro pensiero.




A cena sul Tevere

foto di Francesco Neri.
foto di Francesco Neri.
foto di Francesco Neri.
foto di Francesco Neri.
Roma

Passeggiata sull’argine e poi a cena sul barcone di un amico che vive lì da 27 anni: fantastico; soverchiato dal bello e dall’atemporalità del luogo, dal suo esser in centro ma assolutamente “fuori”, credevo di essere al massimo, poi il giro in barca, di notte, fino all’isola Tiberina….

Non ho parole.