Category Archives: Attualità

Cosa è bene ?

L’idea che sia una cosa sensata iniettare veleni per migliorare il corpo di un bambino, segue la stessa logica di quella che suggerisce
Che sia un bene mettere preventivamente dei veleni sui cibi quando sono ancora sui campi.
Che sia un bene bombardare un popolo a fin di pace.
Che sia un bene pagare per quel che era gratuito.
Che sia un bene tenere i bambini seduti per ore.
Che sia un bene far arrivare il cibo via nave dalla cina.
Che sia un bene torturare miliardi di animali per poi farli a pezzi e ingoiarli.
Che sia un bene strappare i cuccioli alle madri per rubar loro il latte.
Che sia un bene alzarsi la mattina presto, attraversare l’inferno, per andare in un posto del cazzo a fare quello di cui non ci frega niente.
Che sia un bene aver talmente da fare da “non avere tempo”.
Che sia un bene guardare l’altro con timore o astio..”non si sa mai”.

E che tutto ciò sia un bene ce lo dice la TV, dopo averci convinto
Che sia un bene guardarla per ore, la sera, invece di guardare il mondo, i boschi, i fiori, gli altri, gli amici e soprattutto dentro di noi, per ricordarci cosa volevamo da piccoli, cosa ci faceva vibrare…
Cosa davvero era ed è bene.

Vabbè…

foto di Francesco Neri.
Ci stanno rubando tutto.

Allora pensiamo allo Ius Soli.

Ma che c’entra, chiudono 360 aziende al giorno !

” Razzista ! “.

E’ una emergenza, vacciniamo tutti.

Ma..non c’è nessuna epidemia.

” Non sei un medico ! ”

Allora riuniamo le camere per parlare di femmicidio.

“Ma…se sono molti di più gli OMIcidi ?

” Maschilista ! “.

Allora facciamo una bella manifestazione Gay Pride.

Ma…. e e se indicessi un Etero Pride ?

” Omofobo ! “.

Vabbè….. facciamo un’altra giornata della memoria.

“Ma ne abbiam fatte 120. Gli armeni, i nativi americani ….niente ? ”

” Antisemita !”.

Ci vuole più Europa.

Ma..io preferirei l’Italia tornasse libera e autonoma.

“Fascista”.

L’acqua, i beni pubblici, le spiagge, l’accesso al mare, la rete, l’informazione, la sanità dovranno sempre essere beni comuni e gratuiti. E non ci deve essere chi guadagna 100 volte più di un altro, o mille.

” Comunista ! “.

Acqua

foto di Francesco Neri.
foto di Francesco Neri.
foto di Francesco Neri.
foto di Francesco Neri.
Acqua.Dovremmo esigere che l’edilizia si adegui fin da subito, con imposizione sul nuovo, e con sgravi sugli adattamenti ristrutturali affinché ogni condominio, ogni casa, abbia una considerevole riserva d’acqua recuperata dalle piovane, diciamo 3 metri cubi ad abitante.
Con quella, e SOLO con quella si alimenti il circuito che porti l’acqua ai bagni.
La potabile sia collegata solo alla cucina.
Dalla cucina poi, tramite un filtro semplicissimo, cioè un pozzetto a caduta o al limite un secondo pozzetto con filtro, ri-alimenti poi i bagni.
Solo da questi si vada in scarico.
In campagna dallo scarico si può fitodepurare e irrigare l’orto.

Con questi accorgimenti si ottengono enormi risparmi del consumo di acqua, abbassamenti notevoli dell’acqua in uscita dalla fogne quando ci sono gli acquazzoni, aumento delle coscienza diffusa in merito a questo bene preziosissimo e una riduzione grande dell’uso scriteriato di detersivi, candeggine e veleni vari.

Dovremmo esigere investimenti cospicui negli acquedotti che oggi perdono dal 40 al 50% dell’acqua portata.
Via i privati dalla gestione dell’acqua e ristrutturazioni programmate di tutta la rete idrica nazionale.

Dovremmo esigere una pianificazione attenta della gestione dei corsi d’acqua: da ricettacolo di veleni a dispensatori di vita.

Dovremmo esigere una relazione parlamentare seria, cogente, obbligatoria e sotto giuramento che spieghi chi irrori nei cieli e cosa, quando, con che permessi, che studi epidemiologici sono stati fatti a riguardo. Che studi geoingegneristici sono stati approvati da chi e quando.
Nel frattempo il BLOCCO immediato e totale di ogni permesso di irrorazione nei cieli; da ogni fonte.

L’acqua è’ vita.

Il 99% delle nostre cellule sono acqua.

Serve sapere altro ?

Contest

Votatemi a questo contest.
Vi attende un light lunch
Dress code: casual.

Siete dei cafoni, tutto lì.

“Concorso”, “pasto leggero” e “abbigliamento informale”, vi facevano schifo ?
Allora vi fa schifo la vostra lingua, che è il vostro pensiero.

A cena sul Tevere

foto di Francesco Neri.
foto di Francesco Neri.
foto di Francesco Neri.
foto di Francesco Neri.
Roma

Passeggiata sull’argine e poi a cena sul barcone di un amico che vive lì da 27 anni: fantastico; soverchiato dal bello e dall’atemporalità del luogo, dal suo esser in centro ma assolutamente “fuori”, credevo di essere al massimo, poi il giro in barca, di notte, fino all’isola Tiberina….

Non ho parole.

BCE

Lo sapete che la BCE crea il denaro dal nulla – click – lo da alle banche che poi ce lo prestano, accumuliamo debito e siamo costretti a vender tutto.
A chi ? alle banche ?
Di chi è la BCE ? Delle Banche.
Se non capite neanche così, serve uno specialista…..
ma non di economia….. 

Piccole organizzazioni

Se volete aiutare, e dovreste se volete ambire alla felicità, aiutate chi conoscete. O chi non conoscete ma tramite filiere corte, gente che parte LEI e va in India o in Africa o a Castel Volturno , o a Termini con sacchi, o coi soldi o con scarpe o a portare coperte o pannelli Fv, o medicine, o stampanti 3D.

Se donate a grosse organizzazioni il minimo, ma proprio il minimo che può accadere, è che la STRAgrande maggioranza delle energie, delle risorse sia dedicato al mantenimento della struttura stessa.
Dirigenti, strutture, belle ville nel verde, compound, stipendi faraonici esent’tutto in patria, e generoso ” pocket money” nei resort di lusso da dove spesso neanche escono perchè fuori “è pericoloso”….

Di solito (visto, l’ho visto…) è così.

Per contro, ci sono migliaia , centinaia di migliaia di volontari che si fanno un mazzo così, nelle periferie di tutte le grandi città del mondo, da Bombay e Johannesbug, da Nairobi a Kampala, nelle savane, o ai bordi del deserto.

Religiosi, laici, credenti in Dio o nel karma, nell’Uomo o nell’Armonia, non importa.

Cercate un canale DIRETTO per aiutare chi aiuta.
Ma DAVVERO.

Fatelo per voi e per chi ha bisogno.

Vorrei un mouse magico

Mouse Magico offerta !

Se avessi un mouse magico, con un click farei sparire tutti quelli che hanno più di un miliardo di dollari.
“Impossibile accumulare cifre così da onesti”.
Quindi spariscono gli squali della finanza, della farmaceutica, delle armi, del petrolio….del traffico di droghe o di esseri umani….
Click.
Però……
Certo, probabilmente ora ci sono molti possessori di 200, 500 milioni, che sono pericolosi in egual misura….
Che prenderebbero il posto dei primi…
Click. Via pure a questi.
– Oh. Finalmente.
Però….
Ora ci sono migliaia di mezzi riccotti, mezzi boss, arruffoni e arraffoni, violenti e sbruffoni, disonesti come i primi che ho fatto secchi. Meno potenti, ma sono una quantità, e sono dappertutto, e ora che hanno strada aperta…..
Quì ci vuole un click potente.
CLICK.
Beh. Ora siamo a posto.
Ma………
E chi sono questi ora ? Questi sono milioni……
Sono quelli che litigano al condominio, che fanno causa per un paletto, che rubano un metro al confine quando rifanno la siepe, sono quelli con le regole ferree per gli altri, ma lasche per loro, che parlan di tutto ma leggono solo il corriere, falliti dentro e fuori ma la colpa è dell’immigrato, quelli che se ne fottono, ma dentro sanno di essere fottuti…..e te la fan pagare.
Ma questo non è un click.
Questa è un’ecatombe.

E, quel che è peggio, questi……………….. siamo noi.

………guardo il mouse…..

Che faccio ?

Alitalia

Alitalia

Non parlatene se non avete letto questo.

Se volete sapere qualcosa di vero che i giornali non dicono riguardo alla crisi Alitalia…vi ringrazio se dedicherete 3 min del vostro tempo!
L’8% (ovvero il 21% ) della mia dignità.
A chi mi conosce o a chi mi conosce poco sento il bisogno di raccontare alcuni dettagli del contratto di lavoro di un assistente di volo, il mio lavoro.
Questo prima che i mezzi di “informazione” in generale ci definiscano superbi, illusi o incoscienti e sprezzanti per avere votato NO al referendum. Un referendum in cui ci è stato chiesto di votare a favore o contro un preaccordo che avrebbe significato “l’ultima chance” di salvataggio di Alitalia, pena un nuovo, inesorabile fallimento.
Ecco dunque alcuni dati.
Si lavora spesso di notte ma si viene pagati come fossero ore diurne, senza alcuna maggiorazione.
Siamo reperibili, “di riserva”, con fasce orarie che vanno anche dalle 00,01 e spesso per 12h, con 90′ di tempo dalla eventuale chiamata per presentarci in aeroporto, il che potrebbe essere per un giorno di impiego, forse due o tre, forse in Italia, forse all’estero, forse a 14h di volo da qui…immaginate che disponibilità, che lavoro di organizzazione di fronte a tanta instabilità e incertezza, in particolare per chi ha figli o genitori anziani a cui badare.
Questa reperibilità non ci viene pagata.
Veniamo pagati invece per ora volo “schedulata”, non per ore reali di servizio, quelle sono gratis; capita spesso quindi di lavorare stando via giornate intere, tra ritardi, variazioni operative ecc. ma solo 2 o 3 o 4 ore di volo verranno retribuite. Anche una soltanto.
Abbiamo una diaria giornaliera in busta paga, per giorno impiegato, di 42 euro che ci servirà per pranzare e/o cenare e/o a fare colazione quando siamo fuori casa…
Ci viene chiesto di richiedere le ferie con 12 mesi di anticipo, che verranno comunque confermate o negate due mesi prima. Si può fare richiesta di variazione in seguito certo, ma non è garantito che verrà accettata e comunque si saprà solo all’ultimo momento.
Ci è consentito chiedere solo 10 gg di ferie nel periodo tra giugno e settembre. E la conferma ci verrà data solo a fine aprile.
I voli di posizionamento- mustgo- non sono retribuiti. Se per esempio occorre che un assistente di volo prenda servizio da Los Angeles, quel tempo di impiego fino a destinazione non è retribuito…e ci vogliono 13 h di volo per arrivare.
Non godiamo di permessi, o siamo in ferie o siamo malati. Un bel problema, anche solo se ti si rompe la macchina all’improvviso mentre vai al lavoro o hai un’urgenza in famiglia e non sei né in ferie, tantomeno malato…
Siamo sottoposti almeno una volta l’anno a visite e controlli, perché le radiazioni cosmiche possono causare tumori e tanti colleghi lo sanno bene purtroppo. Nulla è riconosciuto per questo rischio.
Non viene tenuto conto della condizione di mamme come genitore unico affidatario o con figli disabili nell’assegnazione dei voli notturni o che prevedono più giorni di impiego con soste fuori casa.
Lavoriamo nei giorni festivi pagati come fossero giorni feriali senza alcuna maggiorazione, Natale, Pasqua, domeniche … e potrei raccontare ancora.
Abbiamo la possibilità di volare a prezzi scontati è vero, con formula standby, solo se c’è posto quindi, un benefit proprio come tutti i dipendenti delle grandi Aziende. Per tutti gli altri risulta essere normale…il nostro invece, come dice il mio collega Andrea, è ritenuto un privilegio.
Nel 2014 per risanare il debito della Compagnia che ci avrebbe reso “idonei” all’alleanza col nuovo partner Ethiad, al solo personale navigante non è stata pagata la 13a mensilità ed è stato applicata una tassa/prelievo che nel mio caso è stato di 300 euro al mese per circa un anno, mai restituiti.
I nostri sono stipendi da impiegati.
A questo punto…il referendum ci chiedeva se per salvare la Compagnia saremmo stati favorevoli a votare una diminuzione dello stipendio di circa il 21% ( non l’8% come diffuso dall’informazione pubblica e dai sindacati stessi); a diminuire i riposi mensili da 10 a 7, a penalizzare economicamente i contratti part time, a diminuire ulteriormente i gg di ferie nel periodo estivo, a ridurre di un assistente di volo (quindi di un membro di equipaggio addetto alle emergenze) il numero del crew sui voli di lungo raggio, ad accettare scatti di anzianità ogni 3 anni a partire dal 2020, ad acconsentire al non rinnovo di circa 500 lavoratori di terra a tempo determinato e alla Cassa integrazione per due anni per 980 impiegati di terra.
Abbiamo detto no tremando di paura ma pieni di coraggio.
Sappiamo di avere messo la firma ad un futuro non soltanto lavorativo a dir poco incerto, ma non potevamo accettare l’umiliazione e il ricatto, persino dal Governo, con pesanti ingerenze, addirittura a votazioni ancora in corso.
Noi, incolpevoli, come tanti lavoratori in questo Paese, abbiamo già pagato.
Vi chiedo quindi di non guardare a noi con astio e antipatia.
Sentitevi piuttosto traditi ancora una volta da questo sistema politico che perdona e dimentica il cattivo operato di manager incapaci, che dopo aver fatto danni, lasciano, intascando milioni di euro per poi collocarsi altrove, impuniti.
Guardate a noi semmai con speranza, perché se migliaia di lavoratori hanno detto no ad un contratto umiliante approvato da sindacati collusi e all’ennesima prepotenza di potenti nomi della imprenditoria possono farlo tutti, in ogni realtà lavorativa; sarebbe allora il mercato del lavoro ad adeguarsi alle persone e non le persone alla legge di mercato.
Buona fortuna a tutti noi.