Intravedere

Just another WordPress site

This content shows Simple View


Category Archives Articolo di fondo – Riflessioni di politica

Alberto Ruz Buenfil a Bolsena

Questo è un grande.

L’intervista a una persona di cui sono molto onorato di essere amico.
Alberto Ruz Buenfil.

Sentitela e sentitela tutta. E’ bellissima.
Ed è molto più importante della maggior parte delle sciocchezze che ci sottraggono attenzione tutti il giorno.

Grazie.

Gliela abbiamo fatta a settembre 2016.
Regìa Roberto Carotenuto -
Unità di Resilienza Locale- Dario Tamburrano. EFDD




Vorrei un mouse magico

Mouse Magico offerta !

Se avessi un mouse magico, con un click farei sparire tutti quelli che hanno più di un miliardo di dollari.
“Impossibile accumulare cifre così da onesti”.
Quindi spariscono gli squali della finanza, della farmaceutica, delle armi, del petrolio….del traffico di droghe o di esseri umani….
Click.
Però……
Certo, probabilmente ora ci sono molti possessori di 200, 500 milioni, che sono pericolosi in egual misura….
Che prenderebbero il posto dei primi…
Click. Via pure a questi.
– Oh. Finalmente.
Però….
Ora ci sono migliaia di mezzi riccotti, mezzi boss, arruffoni e arraffoni, violenti e sbruffoni, disonesti come i primi che ho fatto secchi. Meno potenti, ma sono una quantità, e sono dappertutto, e ora che hanno strada aperta…..
Quì ci vuole un click potente.
CLICK.
Beh. Ora siamo a posto.
Ma………
E chi sono questi ora ? Questi sono milioni……
Sono quelli che litigano al condominio, che fanno causa per un paletto, che rubano un metro al confine quando rifanno la siepe, sono quelli con le regole ferree per gli altri, ma lasche per loro, che parlan di tutto ma leggono solo il corriere, falliti dentro e fuori ma la colpa è dell’immigrato, quelli che se ne fottono, ma dentro sanno di essere fottuti…..e te la fan pagare.
Ma questo non è un click.
Questa è un’ecatombe.

E, quel che è peggio, questi……………….. siamo noi.

………guardo il mouse…..

Che faccio ?




Alitalia

Alitalia

Non parlatene se non avete letto questo.

Se volete sapere qualcosa di vero che i giornali non dicono riguardo alla crisi Alitalia…vi ringrazio se dedicherete 3 min del vostro tempo!
L’8% (ovvero il 21% ) della mia dignità.
A chi mi conosce o a chi mi conosce poco sento il bisogno di raccontare alcuni dettagli del contratto di lavoro di un assistente di volo, il mio lavoro.
Questo prima che i mezzi di “informazione” in generale ci definiscano superbi, illusi o incoscienti e sprezzanti per avere votato NO al referendum. Un referendum in cui ci è stato chiesto di votare a favore o contro un preaccordo che avrebbe significato “l’ultima chance” di salvataggio di Alitalia, pena un nuovo, inesorabile fallimento.
Ecco dunque alcuni dati.
Si lavora spesso di notte ma si viene pagati come fossero ore diurne, senza alcuna maggiorazione.
Siamo reperibili, “di riserva”, con fasce orarie che vanno anche dalle 00,01 e spesso per 12h, con 90′ di tempo dalla eventuale chiamata per presentarci in aeroporto, il che potrebbe essere per un giorno di impiego, forse due o tre, forse in Italia, forse all’estero, forse a 14h di volo da qui…immaginate che disponibilità, che lavoro di organizzazione di fronte a tanta instabilità e incertezza, in particolare per chi ha figli o genitori anziani a cui badare.
Questa reperibilità non ci viene pagata.
Veniamo pagati invece per ora volo “schedulata”, non per ore reali di servizio, quelle sono gratis; capita spesso quindi di lavorare stando via giornate intere, tra ritardi, variazioni operative ecc. ma solo 2 o 3 o 4 ore di volo verranno retribuite. Anche una soltanto.
Abbiamo una diaria giornaliera in busta paga, per giorno impiegato, di 42 euro che ci servirà per pranzare e/o cenare e/o a fare colazione quando siamo fuori casa…
Ci viene chiesto di richiedere le ferie con 12 mesi di anticipo, che verranno comunque confermate o negate due mesi prima. Si può fare richiesta di variazione in seguito certo, ma non è garantito che verrà accettata e comunque si saprà solo all’ultimo momento.
Ci è consentito chiedere solo 10 gg di ferie nel periodo tra giugno e settembre. E la conferma ci verrà data solo a fine aprile.
I voli di posizionamento- mustgo- non sono retribuiti. Se per esempio occorre che un assistente di volo prenda servizio da Los Angeles, quel tempo di impiego fino a destinazione non è retribuito…e ci vogliono 13 h di volo per arrivare.
Non godiamo di permessi, o siamo in ferie o siamo malati. Un bel problema, anche solo se ti si rompe la macchina all’improvviso mentre vai al lavoro o hai un’urgenza in famiglia e non sei né in ferie, tantomeno malato…
Siamo sottoposti almeno una volta l’anno a visite e controlli, perché le radiazioni cosmiche possono causare tumori e tanti colleghi lo sanno bene purtroppo. Nulla è riconosciuto per questo rischio.
Non viene tenuto conto della condizione di mamme come genitore unico affidatario o con figli disabili nell’assegnazione dei voli notturni o che prevedono più giorni di impiego con soste fuori casa.
Lavoriamo nei giorni festivi pagati come fossero giorni feriali senza alcuna maggiorazione, Natale, Pasqua, domeniche … e potrei raccontare ancora.
Abbiamo la possibilità di volare a prezzi scontati è vero, con formula standby, solo se c’è posto quindi, un benefit proprio come tutti i dipendenti delle grandi Aziende. Per tutti gli altri risulta essere normale…il nostro invece, come dice il mio collega Andrea, è ritenuto un privilegio.
Nel 2014 per risanare il debito della Compagnia che ci avrebbe reso “idonei” all’alleanza col nuovo partner Ethiad, al solo personale navigante non è stata pagata la 13a mensilità ed è stato applicata una tassa/prelievo che nel mio caso è stato di 300 euro al mese per circa un anno, mai restituiti.
I nostri sono stipendi da impiegati.
A questo punto…il referendum ci chiedeva se per salvare la Compagnia saremmo stati favorevoli a votare una diminuzione dello stipendio di circa il 21% ( non l’8% come diffuso dall’informazione pubblica e dai sindacati stessi); a diminuire i riposi mensili da 10 a 7, a penalizzare economicamente i contratti part time, a diminuire ulteriormente i gg di ferie nel periodo estivo, a ridurre di un assistente di volo (quindi di un membro di equipaggio addetto alle emergenze) il numero del crew sui voli di lungo raggio, ad accettare scatti di anzianità ogni 3 anni a partire dal 2020, ad acconsentire al non rinnovo di circa 500 lavoratori di terra a tempo determinato e alla Cassa integrazione per due anni per 980 impiegati di terra.
Abbiamo detto no tremando di paura ma pieni di coraggio.
Sappiamo di avere messo la firma ad un futuro non soltanto lavorativo a dir poco incerto, ma non potevamo accettare l’umiliazione e il ricatto, persino dal Governo, con pesanti ingerenze, addirittura a votazioni ancora in corso.
Noi, incolpevoli, come tanti lavoratori in questo Paese, abbiamo già pagato.
Vi chiedo quindi di non guardare a noi con astio e antipatia.
Sentitevi piuttosto traditi ancora una volta da questo sistema politico che perdona e dimentica il cattivo operato di manager incapaci, che dopo aver fatto danni, lasciano, intascando milioni di euro per poi collocarsi altrove, impuniti.
Guardate a noi semmai con speranza, perché se migliaia di lavoratori hanno detto no ad un contratto umiliante approvato da sindacati collusi e all’ennesima prepotenza di potenti nomi della imprenditoria possono farlo tutti, in ogni realtà lavorativa; sarebbe allora il mercato del lavoro ad adeguarsi alle persone e non le persone alla legge di mercato.
Buona fortuna a tutti noi.




Le Parole

stato.27 aprile 2017 13:38Le Parole sono importanti.
Importantissime.

Come parliamo, così pensiamo.

A volte, quando dico così, vengo accusato di esser dedito a sottigliezze, di far filosofia, di far ” l’intellettuale “.

NON é COSì’.

Le parole sono i mattoncini del nostro pensiero e quelle che ci arrivano, sono suggerimenti di come pensare, e bisogna fare attenzione.

Un esempio eclatante è come l’oligarchia usa le parole belle, una volta appannaggio della sinistra, comunque “umane”, per ingannarci.

Dobbiamo mandare soldati in guerre lontane a proteggere tubi per il petrolio americano ? Ecco le “missioni umanitarie”.

Saremmo inorriditi dai bombardamenti ? Meno, perchè ci sono le “bombe intelligenti” che fanno solo “danni collaterali” che poi sarebbero bambini, raramente bianchi, comunque non nostri…

Devono licenziare ? Ottimizzano
Devono fare a pezzi una azienda, un istituto ? Si ristruttura.
Devono far sparire un vostro diritto ? Riforma.

Non si trova lavoro e dovete emigrare ? Bello, un mondo senza confini !

Strutture segrete organizzano una invasione di mano d’opera sostitutiva a costo bassissimo ? ” Accoglienza ”

Vogliono un popolo sradicato, senza patria, apolide e spaesato senza radici e senza cultura ?
Fondano partiti “en marche”, ” in cammino”

Vuoi difendere i deboli ? Populista !

Vuoi difendere il tuo paese da tutto ciò ?

Allora sei “nazionalista” – sei ” fascista”.

Le parole.

Sono importanti.
Importantissime.




USA e getta

15 aprile 2017 14:34

foto di Francesco Neri.
foto di Francesco Neri.
foto di Francesco Neri.
foto di Francesco Neri.

L’Economia mondiale è la più alta espressione del crimine organizzato.

Gli Usa, di conseguenza, sono “Cosa nostra” con 2 miliardi di dollari al giorno per i “soldati” invece di qualche migliaia.

La Mafia Sicula, aveva gli “informatori”, gli Usa hanno la Cia.
Cosa nostra ti brucia il negozio, gli Usa bruciano nazioni.

Si potrebbe continuare in questa poco gioiosa allegoria, ma ci siam capiti.

Che fare ?

Non è uno scherzo.

Credo che l’unica sia fare……nulla.

Nulla che li avvantaggi.
Non comprare più niente da loro.
Giornali, riviste, abbonamenti, cibo immondizia, bevande letali, sigarette, automobili, manufatti.
Niente ai supermercati, da Amazon, da Ikea, Carrefour, Ebay, niente marchi, profumi e detersivi.
Carte di credito, carte di debito, azioni, trading…
Investimenti, playstation….
Basta cazzate.

Poche cose, buone, utili davvero, fatte con amore da qualcuno che conosciamo, quì vicino.
Qualcuno che poi magari si compra qualcosa fatto da noi.
Magari riusciamo a organizzare uno scambio.

Organizziamoci.
E’ la salvezza ed è pure divertente.
Darà i suoi frutti pieni domani, ma ne ricaveremo benefici anche oggi.
Quì e ora.
———————————

L’unica è non pagare il pizzo.




L’unico vaffanculo vero

L’unico vaffanculo vero.

Parliamo spesso di farsi un orto e ingegnerizzare la propria casa e la propria vita in maniera da essere INDIPENDENTI alimentarmente ed energeticamente.

Conviene al singolo.
Ovvio. Bollette e spesa ridottissima e cibi buoni.
Non rimani senza energia e cibo se il mondo va storto….

Ma…
C’è un risvolto ancora più importante.

“NON CI SERVE”
Potremmo dire a chi disintegra col gas o senza un popolo intero, e dei bambini, perchè nella loro nazione vuole farci passare un tubo, per lo stesso motivo abbatte ulivi secolari: per farci passare un tubo. Per poi vendere il gas a noi, e “sfilarlo” ai concorrenti.

NON CI SERVE.
Potremmo dire ai beduini sauditi che sterminano gli yemeniti per assecondare i loro alleati dell’oro nero. Il petrolio.

NON CI SERVE
Potremmo dire alle multinazionali del veleno che ci mandano navi di grano al glifosato dal Canada o dall’Ucraina.

NON CI SERVE. Abbiamo tutto.

Grazie.

Andate affanculo, Voi, le vostre bombe intelligenti, i danni collaterali, le guerre umanitarie, le bombe al fosforo, le bombe a grappolo, i gas.
Il vostro mondo di tubi, di fossili, di bombe e di odio, di raffinerie e di caccia, di missili e minacce

NON CI SERVE.




Se potessimo 2

Se potessimo 2

Se potessimo emettere moneta, potremmo dare a tutti, a TUTTI, appena nati, una carta che tutti mesi si carica fino a 500 euro. Indipendentemente da quanti ne sono rimasti dal mese prima.

Non li hai spesi ? Peggio per te.

Non puoi prenderci contanti, non puoi giocarteli alle slot, non puoi versarli in banca ne comprarci i bot, puoi solo spenderli.

Pagarci bollette, tasse, conti, qualsiasi cosa.

Una famiglia di 4 persone si trova 2000 euro al mese in più.
Un “single” 500.

Chi guadagna 1200, va a 1700.
Chi guadagna 20.000, va a 20.500.

Un pensionato va da 450 a 950.

Ecco il decreto Riparte Italia.

Liscio come l’olio.





Il mondo alla rovescia

Il mondo va alla rovescia.
Lo vediamo continuamenteUn usciere in senato prende 11.000 euro, un pompiere per rischiare la vita 1400.
Un poliziotto 1600, lo stenografo del senato 22000.
Poi ci son tutti quelli che non prendono nulla.
Vengono tolti i bambini a madri povere e poi li si mette in casefamiglia a 100 euro giorno cad.
ecc.ecc.ecc.Tutti noi potremmo continuare ore a fare un elenco da incubo del sistema kafkiano in cui siamo inseriti.
Sperequato talmente tanto da essere ormai ribaltato, con un sistema valoriale inverso rispetto a logica ed equità.

Ma su tutto domina il ribaltamento più clamoroso: il denaro.

Il denaro non è un bene, è una convenzione.
Viene emesso da una comunità, di solito da una nazione, per facilitare lo scambio di ricchezza tra gli abitanti e per permettere allo stato di far eseguire da privati lavori di pubblica utilità.

Se il denaro lo fabbrica un privato, il denaro è falso, e costui è un falsario.

Bene.

Ora il denaro dichiarato valido è SOLO quello falso, cioè emesso da privati, e lo Stato non può emettere più quello vero..
Deve chiedere in prestito il denaro (falso) pagandolo per vero, dal privato di cui sopra.

Casta , cricca, corruzione, usceri, stenografi, vitalizi, megapensioni e anche le mazzette sui lavori pubblici impallidiscono e sembrano piccole bugie di bambini in confronto.

Una truffa epocale,
talmente grave da essere incredibile,
talmente grande da essere invisibile.




Siamo figli della Terra

popoli27
Insomma, analizzando la storia, le consuetudini, le voci se non gli scritti, di molti popoli antichi, si palesa alla nostra mente un dubbio fortissimo, che piano piano si trasforma in certezza.

Noi Europei abbiamo vinto le guerre contro di loro, infatti li abbiamo sterminati.

A forza di vincer guerre però non abbiamo pace.

Abbiamo spinto in avanti alcune caratteristiche umane, fino all’incredibile.
Ne abbiamo spinto indietro altre però.

Fino all’intollerabile.

Siamo figli della Terra, non i suoi padroni.

Possibile non capirlo ?

 



Perchè attacco Di Maio ?

Non attacco.

Critico fortemente il suo approccio. Come quello di Borrelli, ancora peggio,

Sono entrambi a favore della UE.

Critico fortemente tutti i suoi occhiolini strizzati alla finanza internazionale, alla Trilaterale.

Allora alcuni, un pò stupidamente debbo dire : “E allora vota PD…”.

Oppure, ” Ma non sono state per il popolo le mozioni, le tentate leggi di M5s fino ad ora ?”

Rispondo.

Tutte le mozioni, dal maggio 2013 a oggi, tutte le battaglie, sono state improntate alla salvaguardia del bene comuner, contro le mafie variegatissime, per l’ambiente, per la gente, per i senza casa, per i senza reddito,contro le guerre, certo. Ecco perchè parlo di m5s e non di PD e affini, ormai possesso della elite dominante.

Ma, piano , piano, di soppiatto prima, apertamente poi, è entrata da sotto una grande quantità di ex idv, o micro giustizialisti diciamo, le cui uniche parole d’ordine sono Onestà, legalità, casta cricca corruzione, e queste direttive sono diventate dominanti. De sopra la visione minimalista e aziendalista di casaleggio & c. ha spostato l’asse di tutto il movimento verso due luoghi. Da un lato, appunto verso la riduzione ad analisi localissima degli eventi, quindi tutta la crisi italiana è dovuta al furto che si perpetua in parlamento, regioni province , comuni e controllate, tutto è rubato e speso in Italy. ecc. D’altro lato, conseguente, la lotta non è più contro la BCE o contro bruxelles, troika, grandi banche. Non è neanche più per rendere un popolo consapevole, ma per afferrare il consenso elettorale e scalzare Renzi, cacciar via la boschi ecc.ecc. Bene. La prima è una menzogna colossale, per quanto invisi, vitalizi, pensioni d’oro e sprechi stanno alla crisi come un secchiello sta al mediterraneo, la seconda, è chiaramente distrazione di massa. Non chiarire in tutte le occasioni che il nemico è la grandissima finanza, non la boschi, è J.P. Morgan, non Bersani, è la Trilaterale, non Mastella o Razzi, è il Fiscal Compact, non il porcellum, è CRIMINALE e funzionale al disegno, oltretutto, dell’oligarchia. Questa ora vuole la defintiva squalifica della politica (confusa coi politici) e la sostituzione di questa dai governi tecnici tramite i quali l’oligarchia finanziaria diventerà da più fore influenzatore del potere politico, IL POTERE POLITICO, saldandosi questo infine col potere economico, in un vero incubo.

Di Maio sembra percorrere meticolsamente tutti i passi in questa direzione.

Bisogna impedirglielo.

“Teneteci il fiato sul collo”. Me l’ha chiesto Di Battista a febbraio 2013, prima delle elezioni.

Io lo faccio eccome.

La sparizion anche di m5s dall’orizzonte delle speranze è colpo duro da digerire e impossibile da sostituire in tempi e modalità accettabili, ad ora, cionondimeno far finta di non vedere non può aiutare chi è in politica per fare luce.

Io sono in politica, al mondo si può dire, nel mio piccolo, per combattere la menzogna: non mi ci alleerò mai.

Riassumendo io non attacco M5s, tento di salvarne l’integrità.