Category Archives: Versione sintetica Politica

Sono le versioni dei fondi , ma più sintetiche. Semplificate.

Regalami dei soldi che te li presto.

Le grandi banche americane: “AZZ. abbiamo perso tutti i vostri soldi”.
Il governo Usa: “E adesso ?”
Le banche: “Eh, dovete darci un sacco di soldi se no falliamo”
Il governo Usa: “E dove li prendo tutti quei soldi ?
Le banche: “Ve li prestiamo noi”.
Il governo: “Ma come, se avete appena detto che non ne avete …”
Le banche: “Eh..se ce li date, dopo ve li prestiamo”.
Il governo: ” OK”.

E’ successo davvero !

La Costituzione

La Costituzione,, un capolavoro, è stata pensata fin nei minimi particolari, da grandi persone, contro le minacce dei predoni, dei ladri, dei criminali, dei papponi.
—- Difenderla, è da grandi persone.
Chi la attacca e vuole modificarla ?
—- I predoni, i ladri, i criminali, i papponi.

10 milioni al minuto

Sapete perchè il grano viene falciato e trebbiato in Canada da mietitrebbe da 1,5 mln$, poi messo sui camion, poi sui treni, poi sulle navi, che attraversano Oceani, poi sui treni, poi sui camion, poi nei Silos, e ci arriva a 24 $ dollari il quintale ?
E quindi qui non vedete una spiga, perché a 24 $/quintale ci si rimette ?

Perché tramite le tasse finanziamo tutta ‘sta giostra, in ragione di DIECI MILIONI AL MINUTO ! – 5,3 TRILIONI L’ANNO.
—————————————-————–
Se fossero dati dieci milioni al minuto alle energie rinnovabili, all’agricoltura sensata, alla ricerca, alla scuola, avremmo abbondanza di tutto.

Le parole “bilancia dei pagamenti, “debito”, “privatizzazioni”, “guerre”, “materie prime”, ma poi anche “eserciti”, “oligarchia”, “mercati” perderebbero letteralmente di senso.

Forse rimarrebbe mercati, ma sempre al diminutivo e accostata a “paesani”.
Piccoli mercati dove ci si scambia gratis l’eccedenza.
E si chiacchiera, si crea la comunità, si suona.

La Ri-Evoluzione è questa quì.

‪#‎seminiAmo‬ ‪#‎RiEvoluzione‬

Regina

"Ieri</p>
<p>Una donna seduta su una sedia d'oro ha incoraggiato il paese a " vivere con i propri mezzi " in questi tempi di austerità, l'ha detto rivolgendosi a una platea di milionari .</p>
<p>Ha anche espresso sostegno per un governo che imponga più ore di lavoro con paghe inferiori. L'ha detto  indossando un cappello incrostato di cinque rubini, 11 smeraldi , 17 zaffiri , 273 perle e 2.868 diamanti ."

Ieri

Una donna seduta su una sedia d’oro ha incoraggiato il paese a ” vivere con i propri mezzi ” in questi tempi di austerità, l’ha detto rivolgendosi a una platea di milionari .

Ha anche espresso sostegno per un governo che imponga più ore di lavoro con paghe inferiori. L’ha detto indossando un cappello incrostato di cinque rubini, 11 smeraldi , 17 zaffiri , 273 perle e 2.868 diamanti .

Borrelli

Quella quì sotto , rilanciata con data di ieri, è in realtà una intervista del 2014.
Roba vecchia, sempre attuale, purtroppo.

Intervista a Borreli, Capogruppo Europarlamentari M5s.

— Perchè bisogna abbandonare l’euro?
«L’euro è stato un errore, ci hanno fatto entrare a forza, con trucchi contabili, il Paese non era pronto».
— C’è chi disegna scenari drammatici per l’Italia in caso di uscita traumatica dalla moneta unica. Cosa rispondete e non è contraddittorio chiedere contemporanemante gli eurobond, come fa il M5S?
«Se l’uscita si verificasse di colpo, credo anch’io ci sarebbero conseguenze molto pesanti. E infatti noi non vogliamo uscire dall’euro. La usiamo come minaccia, come arma di trattativa politica».
— Ma il referendum per l’uscita dall’euro è il primo dei vostri sette punti
«Lo era. L’abbiamo spostato all’ultimo posto del programma perchè sia chiaro che lo intendiamo come ultima spiaggia».

Anti

Anti.

Finchè saremo Anti qualcosa, saremo perdenti.
Finchè agiremo contro qualcosa, per abbattere qualcosa, la nostra azione sarà destinata al fallimento.

Per mille motivi.

Non che non ci siano cose esecrabili, la cui sparizione dalle nostre vite e dal mondo tutto, non sia auspicabile.
Guerre, fame, avidità, ingiustizie, infelicità, oligarchie predatorie, ecc.ecc.

Ma ogni volta che ci poniamo Anti qualcosa, in realtà provochiamo l’esatto opposto di ciò che vorremmo.

Rafforziamo la cosa, la persona, l’idea, che stiamo combattendo;
ci concentriamo su quella cosa, i pensieri vanno a lei, le diamo energia, le concediamo spazio dentro di noi.
La ingrandiamo.

E non solo.

In realtà, e l’abbiamo visto molte volte, dopo anni di ANTI qualcosa, ci accorgiamo che quello era lo spauracchio, lo schermo, dietro al quale agiva indisturbato il nemico vero.

Il nemico vero avanza, marcia davanti a noi, e noi dietro. Ci indica qualcosa di oscuro di cui essere ANTI.

Insomma, essere ANTi qualcosa, significa, per lo più abboccare.

E farsi fregare.