Category Archives: Geopolitica

Il sistema mondiale

foto di Francesco Neri.
foto di Francesco Neri.
foto di Francesco Neri.
foto di Francesco Neri.
Il sistema mondiale.

Ogni giorno muoiono di fame circa 33.000 bambini che potrebbero essere salvati con circa 60 centesimi al giorno.
Per ognuno di loro vengono spesi circa 60.000 dollari al giorno in armi, per un totale di duemila milioni, al giorno.

Dieci anni fa il 2% della popolazione mondiale possedeva quando il rimanente 98%.
Ora l’1% possiede quanto il rimanente 99%.

Un ristretto manipolo di ricchi possiede una ricchezza monetaria potenziale che equivale a 55 volte il pil mondiale. cioè possiede 55 terre. Le nazioni, cioè le comunità, cioè noi tutti abbiamo quindi 55 terre di debiti con costoro.
Gli interessi su questo debito siderale comportano questo ingente travaso di ricchezza dai poveri, e dalla classe media, verso l’apice della piramide, verso i ricchi, realizzato attraverso la fiscalità.

Per anni i ricchi sono stati coloro che producevano e vendevano prodotti.
I “padroni delle ferriere”.
Producevano, vendevano, guadagnavano e ripartivano da capo.
Avevano bisogno di operai e di clienti.
Ora producono direttamente il denaro senza tutta la trafila industriale: ora è molto più remunerativo per loro, produrre penuria.

Big Pharma persegue la penuria di salute.
Lokheed Martin la penuria di pace
Cargill la penuria di grano
Nestlè la penuria di cibo.
Coca cola la penuria di acqua.
Monsanto la penuria di biodiversità.
Big Oil la penuria di energie rinnovabili
Le banche centrali, ora private, la penuria di moneta.

Tutte, la penuria di conoscenza.

Tutte, la penuria di sovranità.
—————————————-——————

Ecco. La domanda che tutti dovremmo porci è:
Io, nel mio piccolissimo, faccio qualcosa per cambiare questa situazione,
o concorro a perpetrarla ?

Leggevo….

Leggevo…

India, Cina, e paesi emergenti stanno sfornando centinaia di milioni di giovani con inglese fluente, lauree specialistiche, competenze in intelligenza artificiale, stampanti 3D, cibernetica, quantistica, nanotecnologie.

Quindi, visto che il futuro si giocherà tramite quelle competenze, puntateci anche voi, giovani che state studiando.

Dante, e Schopenhauer, la sociologia e l’Arte, saranno anche affascinanti, ma non vi daranno da mangiare.

Sembra logico, invece secondo me è una sciocchezza.

Tra dieci, venti anni , appunto ci saranno quasi un miliardo di tecnici sopraffini – cinesi e indiani sono geni della matematica – ma ne servirà un numero molto inferiore.
Ogni supertecnico alza la produttività di un sistema, un miliardo di tecnici dell’automazione possono mandare avanti la galassia, non la Terra. Le nuove fabbriche tipo Gigafactory di Tesla, o la nuova Foxcon, producono il doppio di prima con un quinto dei tecnici e un decimo degli operai.

Tu, povero ragazzetto italiano dall’inglese biascicato, dovresti poi competere con mille milioni tra cinesi, indiani, malesi, bengali, vietnamiti, brasiliani, indonesiani, pakistani, tutti tecnici cazzutissimi, per un posto su cento ?

Da retta a me, giovane italiano, semina il grano.
Semina la canapa e con quella facci lavori con macchine 3D.
Impara a fare il formaggio di fossa, che il formaggio cinese nella fossa ti ci manda,
Impara a fare il vino che il vino indiano se lo bevessero loro, impara la storia del Rinascimento.
Impara a stagionare le salsicce come a Norcia.
Impara a fare la pasta, nelle 11.000 forme che ci sono in Italia.
Impara una per volta le 900 paste ripiene; ogni regione ne ha 80.
Impara a fare la pizza come Cristo comanda, e il mondo sarà tuo.
Impara a fare la Birra, dal malto.

Impara la lingua Italiana. BENE.
Impara a parlare e a pensare bene.

E sopratutto studia quello che ti piace e fai della tua passione il tuo lavoro.

E’ li che non ti batterà nessuno.

I Pupari

Secondo la signora Lagarde, fondo monetario mondiale, il problema è che i vecchi campano e quindi costano troppo.
Secondo Attali, il mentore di Macron, macchine per la soppressione della vita quando questa diventerà improduttiva, sono auspicabili.
Secondo Rockfeller , ma anche secondo Bill Gates, bisogna alacremente lavorare per portare la popolazione mondiale in equilibrio, cioè a 500 milioni di unità. Quindi uno su 15 rispetto a oggi.
—————————————-————

A noi

Hanno reso la vita impossibile, facendo sparire lavoro, valori mobili e immobili, sicurezza del lavoro, fatturati.
Hanno reso la vita un inferno di adempimenti sempre più numerosi e diritti sempre più teorici e rarefatti.
Ci hanno obbligato a competere con gli stipendi cinesi ma con tassazioni da danimarca.
Ci fanno vivere in ambienti sempre più inquinati ma tagliando l’assistenza sanitaria.
Ci hanno fatto credere di non contare nulla, anzi ce l’han proprio dimostrato.
La mortalità raggiunta in Italia nel 2016 era stata raggiunta solo nel 1943, in piena guerra.
La natalità….. quale natalità ?

—————————————-————–

Ai nostri figli ?

Ai vostri figli ordinano di iniettare

Feti di aborti umani.
Siero di sangue di vitelli abortiti.
Cellule di vermi urticanti
Cellule di corpi di scimmie frullati
Cellule di cuccioli di cane.
Cervello di scimmia frullato.

Alluminio q.b.

—————————————-—————–

Non vi corre un brivido per la schiena ?

Insomma, gli stiamo sul cazzo.
Ci vogliono levare di mezzo, sicuramente come persone libere o pseudo tali, se non fisicamente e definitivamente.
Da sempre l’oligarchia ha avuto moti di repulsione per gli “insignificanti” , cioè per quelli che non fanno parte di quel club sempre più ristretto di miliardari (in dollari o euro).

Ma servivamo loro. Come operai, e come consumatori.
Ora non più.
Alcune fabbriche hanno comprato milioni di robot, alla produzione ci penseranno loro.
I clienti non servono più granché perché tutta la trafila produci, proponi, vendi, incassa, monetizzi la plusvalenza, reinvesti e ricominci da capo, è superata.
Ora producono direttamente il denaro a fronte del quale ottengono tutto ciò che occorre loro e ormai ne posseggono per comprare 55 terre, ma di Terra ce n’é una sola.

La vogliono tutta per loro.

Tant’è.

Che fare ?

Tutto. Dobbiamo fare tutto. Autoprodurci tutto.
Ora sappiamo come.
E se non compriamo da loro, loro spariscono come panna montata.

Sono pupari.

E i fili con cui ci tirano come burattini sono i nostri bisogni nei loro confronti: di soldi, di energia, di cibo.
I fili sono il grano, il petrolio, la soia, il mais transgenico, la frutta dall’Asia, il coltan, i pomodori dalla cina, i veleni, le medicine che curano male una cosa e te fan venire dieci, i FILO è la TV.

Facciamoci tutto e facciamo come se non esistano, prima che ci facciano sparire come uomini liberi.

Sono convinto che non tutti capiranno,
non tutti si salveranno.

I nemici

Secondo la signora Lagarde, fondo monetario mondiale, il problema è che i vecchi campano e quindi costano troppo.
Secondo Attali, il mentore di Macron, macchine per la soppressione della vita quando questa diventerà improduttiva, sono auspicabili.
Secondo Rockfeller , ma anche secondo Bill Gates, bisogna alacremente lavorare per portare la popolazione mondiale in equilibrio, cioè a 500 milioni di unità. Quindi uno su 15 rispetto a oggi.
—————————————-————

A noi

Hanno reso la vita impossibile, facendo sparire lavoro, valori mobili e immobili, sicurezza del lavoro, fatturati.
Hanno reso la vita un inferno di adempimenti sempre più numerosi e diritti sempre più teorici e rarefatti.
Ci hanno obbligato a competere con gli stipendi cinesi ma con tassazioni da danimarca.
Ci fanno vivere in ambienti sempre più inquinati ma tagliando l’assistenza sanitaria.
Ci hanno fatto credere di non contare nulla, anzi ce l’han proprio dimostrato.
La mortalità raggiunta in Italia nel 2016 era stata raggiunta solo nel 1943, in piena guerra.
La natalità….. quale natalità ?

—————————————-————–

Ai nostri figli ?

Ai vostri figli ordinano di iniettare

Feti di aborti umani.
Siero di sangue di vitelli abortiti.
Cellule di vermi urticanti
Cellule di corpi di scimmie frullati
Cellule di cuccioli di cane.
Cervello di scimmia frullato.

Alluminio q.b.

—————————————-—————–

Non vi corre un brivido per la schiena ?

Insomma, gli stiamo sul cazzo.
Ci vogliono levare di mezzo, sicuramente come persone libere o pseudo tali, se non fisicamente e definitivamente.
Da sempre l’oligarchia ha avuto moti di repulsione per gli “insignificanti” , cioè per quelli che non fanno parte di quel club sempre più ristretto di miliardari (in dollari o euro).

Ma servivamo loro. Come operai, e come consumatori.
Ora non più.
Alcune fabbriche hanno comprato milioni di robot, alla produzione ci penseranno loro.
I clienti non servono più granché perché tutta la trafila produci, proponi, vendi, incassa, monetizzi la plusvalenza, reinvesti e ricominci da capo, è superata.
Ora producono direttamente il denaro a fronte del quale ottengono tutto ciò che occorre loro e ormai ne posseggono per comprare 55 terre, ma di Terra ce n’é una sola.

La vogliono tutta per loro.

Tant’è.

Che fare ?

Tutto. Dobbiamo fare tutto. Autoprodurci tutto.
Ora sappiamo come.
E se non compriamo da loro, loro spariscono come panna montata.

Sono pupari.

E i fili con cui ci tirano come burattini sono i nostri bisogni nei loro confronti: di soldi, di energia, di cibo.
I fili sono il grano, il petrolio, la soia, il mais transgenico, la frutta dall’Asia, il coltan, i pomodori dalla cina, i veleni, le medicine che curano male una cosa e te fan venire dieci, i FILO è la TV.

Facciamoci tutto e facciamo come se non esistano, prima che ci facciano sparire come uomini liberi.

Sono convinto che non tutti capiranno,
non tutti si salveranno.

Sovranità

foto.15 maggio 2017 17:40

foto di Francesco Neri.
foto di Francesco Neri.
foto di Francesco Neri.
foto di Francesco Neri.
Sovranità monetaria è la differenza tra :
mettere tutto l’appennino a norma sismica, energetica, idrogeologica, tutto fotovoltaico,
e mendicare due soldi per tre casette e due coperte.

Sovranità monetaria è la differenza tra essere la quinta potenza mondiale ed essere una colonia della quarta.

Sovranità monetaria è la differenza tra stabilire cos’è giusto, e quali interventi fare, e far decidere grandi banche estere.

Sovranità alimentare è la differenza tra mangiare il pane e la pasta più buoni del mondo fatti con farine italiane: della Puglia, della Sicilia, della Basilicata, delle Marche e produrli invece con le farine tossiche che vengono da Canada e Ucraina piene di veleno.

Sovranità alimentare è la differenza tra i pomodori italiani, centinaia di varietà incredibilmente buone e saporite, e le salse fatte in Cina.

Sovranità energetica è la differenza tra avere tutte le case , tutte le scuole, tutti gli edifici pubblici e i capannoni industriali tutti fotovoltaici, antisismici, bellissimi e sradicare ulivi centenari per far passare un tubo che vien da lontano.

Sovranità energetica è la differenza tra stabilire le proprie bollette e dipendere da guerre lontane.

Sovranità è la differenza tra esser liberi e credere di esserlo.

Vorrei un mouse magico

Mouse Magico offerta !

Se avessi un mouse magico, con un click farei sparire tutti quelli che hanno più di un miliardo di dollari.
“Impossibile accumulare cifre così da onesti”.
Quindi spariscono gli squali della finanza, della farmaceutica, delle armi, del petrolio….del traffico di droghe o di esseri umani….
Click.
Però……
Certo, probabilmente ora ci sono molti possessori di 200, 500 milioni, che sono pericolosi in egual misura….
Che prenderebbero il posto dei primi…
Click. Via pure a questi.
– Oh. Finalmente.
Però….
Ora ci sono migliaia di mezzi riccotti, mezzi boss, arruffoni e arraffoni, violenti e sbruffoni, disonesti come i primi che ho fatto secchi. Meno potenti, ma sono una quantità, e sono dappertutto, e ora che hanno strada aperta…..
Quì ci vuole un click potente.
CLICK.
Beh. Ora siamo a posto.
Ma………
E chi sono questi ora ? Questi sono milioni……
Sono quelli che litigano al condominio, che fanno causa per un paletto, che rubano un metro al confine quando rifanno la siepe, sono quelli con le regole ferree per gli altri, ma lasche per loro, che parlan di tutto ma leggono solo il corriere, falliti dentro e fuori ma la colpa è dell’immigrato, quelli che se ne fottono, ma dentro sanno di essere fottuti…..e te la fan pagare.
Ma questo non è un click.
Questa è un’ecatombe.

E, quel che è peggio, questi……………….. siamo noi.

………guardo il mouse…..

Che faccio ?

Stabilità ?

foto di Francesco Neri.
foto di Francesco Neri.
Ai mercati piace la stabilità ?
Falso. (e quattro)Una volta era così. Quando c’era da investire, costruire, comprare, tirar fuori i soldi….

Ora i Mercati scommettono, contro la stabilità, poi organizzano tumulti. (Soros)
Contro la pace, e fanno una bella guerretta. (Lockeed Martin , Rayeton, Hallyburton, Boeing, RjR, )
Sull’aumento del grano, e lo tengon chiuso nei granai (Cargill)
Sull’aumento delle azioni di Nestlè e Bechtel e Coca cola, poi fanno qualche articolo sull’arsenico negli acquedotti.

Chi opera sopra una certa soglia percentuale di dominio globale, in regime di monopolio o quasi, guadagna comunque, sopratutto sull’instabilità perchè è da lui prevista, promossa ed è essa la fonte di guadagno, più della vendita stessa, ecco perchè i derivati, i “futures” sono attualmente 55 volte il Pil.

I primi son le scommesse, sempre vinte dal banco,
il secondo l’economia reale, la nostra, che arranca.

Il monopolista da le carte, le vede prima, le vede durante, stabilisce le regole durante la partita e accetta il risultato solo se vince.
Di un bene scommette che ce ne sarà molto, e lo tira fuori tutto, poi scommette che ce ne sarà poco, e lo nasconde.

L’asso di briscola in questo gioco è Rothschild perchè è riuscito ad accaparrarsi il monopolio del denaro.
Che non è una merce. E’ una unità di conto.

In pratica ha la tangente su chiunque debba far dei conti economici…..dopo la chiesa, che ha la tangente su Dio, è il massimo………

Il monopolista o quasi commercia in tutto il mondo e quindi fa risultare gli utili dove si è già accordato col governucolo locale al 1% forfaittario.

Infine guadagna così tanto che corrompe i politici affinchè invece agli altri, a VOI, applichino una tale quantità di regole e leggi che non vi lascino scampo.

C’è solo una soluzione.

Fottersene. Sono panna montata.
Basta non dar loro nulla, aspettare e spariscono.

Ma…..

” Ma ” un cazzo.

E’ l’unica.

Le Parole

stato.27 aprile 2017 13:38Le Parole sono importanti.
Importantissime.

Come parliamo, così pensiamo.

A volte, quando dico così, vengo accusato di esser dedito a sottigliezze, di far filosofia, di far ” l’intellettuale “.

NON é COSì’.

Le parole sono i mattoncini del nostro pensiero e quelle che ci arrivano, sono suggerimenti di come pensare, e bisogna fare attenzione.

Un esempio eclatante è come l’oligarchia usa le parole belle, una volta appannaggio della sinistra, comunque “umane”, per ingannarci.

Dobbiamo mandare soldati in guerre lontane a proteggere tubi per il petrolio americano ? Ecco le “missioni umanitarie”.

Saremmo inorriditi dai bombardamenti ? Meno, perchè ci sono le “bombe intelligenti” che fanno solo “danni collaterali” che poi sarebbero bambini, raramente bianchi, comunque non nostri…

Devono licenziare ? Ottimizzano
Devono fare a pezzi una azienda, un istituto ? Si ristruttura.
Devono far sparire un vostro diritto ? Riforma.

Non si trova lavoro e dovete emigrare ? Bello, un mondo senza confini !

Strutture segrete organizzano una invasione di mano d’opera sostitutiva a costo bassissimo ? ” Accoglienza ”

Vogliono un popolo sradicato, senza patria, apolide e spaesato senza radici e senza cultura ?
Fondano partiti “en marche”, ” in cammino”

Vuoi difendere i deboli ? Populista !

Vuoi difendere il tuo paese da tutto ciò ?

Allora sei “nazionalista” – sei ” fascista”.

Le parole.

Sono importanti.
Importantissime.

Siamo energia

Siamo energia.

conferenza sull’ Energia. 30 Aprile 15,30 > 18,30
presso Agriselva -
all’interno della bellissima Selva di Paliano (Fr)

Introduce e modera: Francesco Neri, fondatore di Resilienze.

relatori :

Marco Profili esperto e produttore di mini aerogeneratori: minipale eoliche.

Sergio Ferraris giornalista scientifico, direttore di “QualeEnergia” . Parlerà di : Energia dal basso. Rinnovabili ed efficienza in comunità per le comunità.

Dario Tamburrano Membro della commissione energia del parlamento Europeo e membro dello Stoa: “Science and Technology Options Assessment”
- Gli elettrodomestici del futuro, etichette, loro automazione al consumo intelligente, mentre i cittadini diventeranno Prosumers.

Francesco Neri : Energia in senso lato e comunità.

Invece cambio idea e poarlo del cuore.    E faccio questo discorso qui.

http://francesconeri.altervista.org/?p=1007

Chiude.