Ci vuole Cuore

cuore campo-elettromagnetico-del-cuore

“Ci vuole Cuore”
“Va dove ti porta il Cuore”
“Ascolta il Cuore”.

Coraggio

“E’ una persona di cuore”
“Ma con che cuore ?”

Per secoli siamo stati convinti il cuore essere la sede delle emozioni, del coraggio, appunto, di ciò che c’è di profondo, di ancestrale, di familiare, di comunitario, di generoso, contrapposto spesso alla mente, al cervello: più freddo, più egoista, più menefreghista, un pò cinico perchè impegnato a calcolare cosa gli conviene, non come il cuore, che si “getta oltre l’ostacolo”, oltre i rischi, gli interessi, la convenienza.

E poi, con disappunto, siamo stati informati, dagli studi dell’anatomia classica, che il cuore invece è una pompetta.

Fantastica idraulica, 4 o 5 miliardi di efficientissimi battiti dal primo di cuoricino piccolo nel grembo, fino all’ultimo, speriamo da vecchi, debole, malandato.
Idraulica sopraffina e preziosissima, ma pur sempre idraulica.

Che delusione.

Una pompa. Che prende il sangue e lo rispinge fin nelle periferie del nostro corpo: nulla più.

Beh. Un pò ci siamo rimasti male.

Mille canzoni in rima con “Amore”, o con “dolore” per un mero congegno idraulico.
Tutta una sterminata letteratura, in tutte le ere dell’Umanità si è rivolta commossa a un componente che poteva stare bene in una lavatrice ?

Che brutta fine !

INVECE MANCO PER NIENTE !

Studi più approfonditi, che finalmente hanno riguardato meglio le evidenze, non solo “solide” ma anche elettromagnetiche e relazionali, informatiche e quantistiche, chi hanno resi edotti che:

Il CUORE genera il più ampio Campo ElettroMagnetico del corpo ed ha un proprio cervello separato dagli altri, ma interattivo con essi!
il cuore è un organo sensoriale e di un sofisticato centro di codifica ed elaborazione delle informazioni, con un vasto sistema nervoso intrinseco sufficientemente sofisticato da qualificarsi come un “cervello cuore”. I nervi che dal cuore arrivano al cervello portano informazioni relative ad ormoni, sostanze chimiche, frequenza, pressione, dolore e sensazioni e riescono a regolare diversi segnali nervosi che dal cervello tornano verso il cuore o vengono inviati ad altri organi.

Quando viene concepito un bambino, il Cuore umano inizia a battere prima che il cervello si sia formato: il cuore ha un piccolo e proprio “cervello” formato da circa 40.000 cellule nervose, e da esso viene emanato il più ampio Campo ElettroMagnetico del corpo.

Il Campo Elettrico del Cuore, che viene misurato dall’elettrocardiogramma (EGC) è all’incirca 60 volte più grande in ampiezza di quello generato dalle onde cerebrali registrate da un elettroencefalogramma (EEG).

La componente Magnetica del campo del cuore, è all’incirca 5000 volte più potente di quella prodotta dal cervello, attraversa i tessuti e può essere misurata anche a distanza di molti metri da appositi apparecchi.

La dimensione di questo Campo Elettromagnetico toroidale varia da un minimo di 2,5 ed un massimo di 3m, con asse verticale centrato nel cuore. La sua forma Toroidale, e’ la forma spesso considerata la più unica e primaria dell’Uni-Verso. Questo campo Toroidale contiene un suo doppio in piccolo,, come una matriosca, e sullo stesso asse verticale, questo perché esso e’ “duale” come le energie della ManifestAzione, le forze E+ ed E- ovvero Yin e Yang, e con esse interagisce ad ogni istante.

Questo campo elettromagnetico, generato dai cromosomi contenuti nelle cellule nervose di questo piccolo cervello del cuore, permea ogni cellula dell’organismo e agisce come un segnale sincronizzatore per tutto il corpo.

Ormai e’ stato sperimentato e dimostrato che questo campo energetico toroidale non solo è trasmesso internamente al cervello di sopra nella testa e al di sotto a quello enterico nell’intestino, ma è anche recepibile inconsciamente o consciamente, dagli altri soggetti che si trovano nel suo raggio di azione-comunicazione che e’ di massimo 3 m di diametro. Gli animali lo recepiscono anche da più lontano.

Ogni organo del corpo emette un proprio Campo elettromagnetico di intensità e frequenza diversa a seconda del tipo di organo ma tutti questi Campi sono sincronizzati dal campo del Cuore. L’insieme di questi campi si chiama AURA ed essa forma una specie di “uovo” attorno all’organismo degli esseri viventi. I cuori delle persone sono dunque dei potenti trasmettitori ed emettono costantemente onde elettromagnetiche. L’antenna che è fisicamente in grado di cogliere queste onde è il complesso apparato sensoriale del nostro intero corpo.

Questo Campo ElettroMagnetico del cuore e’ SEMPRE in contatto con il Campo ElettroMagnetico dell’Uni-Verso e scambia quindi InFormAzioni con Lui. Riceve “impulsi-info” e ne comunica alla Banca Dati Universale; esso e’ il punto di collegamento fra l’Essere e l’UniVerso; ma esso e’ in continua comunicazione anche con tutti gli altri esseri viventi del Pianeta, esso e’ in continua comunicazione con la ghiandola Pineale all’interno del cervello antico del Cranio.

Alla morte-trapasso, questo Campo del cuore si ritira piano piano fino a scomparire in circa un’ora, cioè quanto dura la funzionalità della ghiandola Pineale, e permette lo scambio totale delle informazioni finali dell’essere stesso con tutti i suoi Elettroni, Atomi, che lo compongono e che andranno a fare parte di altre forme di vita.

Il Campo megnetico della Terra influenza IL ed è influenzato DAL campo magnetico del cuore.

Il Cuore , insomma, comanda comunque la nostra vita.

Ci indica direzione, ritmo, base musicale, e sintonia.

Meno male !

Chissa come, non ci eravamo sbagliati, e, ancor prima di averlo misurato, lo sapevamo !

“Cuore” può tornare a far rima con “amore”, e, alla luce di ciò che abbiamo scoperto, non può essere che così.

Di questa fantastica sincronia, ne è metronomo, codice, direttore d’orchestra e, quando sarà l’ora, notaio, per un “lascito” armonizzato e sincrono.

Ci vuole Cuore. Davvero.





Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>