Resistenza

Resistenza.
La gestione della polis, cioè la politica, è nata per impedire ai potenti, di abusare di tutti gli altri.
Metron, la misura, e apeiron, l’illimitato, riferito alla ricchezza: Aristotele definiva il primo da seguirsi come unica fonte di armonia sociale, il secondo , non potendo la ricchezza smisurata di alcuni che coincidere con la schiavitù di molti, da aborrire.
Ora, il capitalismo ha assolutizzato questo concetto slegandosi addirittura da ogni obbligo verso l’umanità, verso il diritto naturale, verso il pianeta.
Aristotele parlava nel 470 circa avanti cristo.
Nulla di nuovo sotto il sole.
Se non l’enorme aumento della capacità dell’uomo di far danni.
A se, agli altri, agli animali, al pianeta.
È cresciuta però anche la nostra possibilità di opposizione, di resistenza tramite legami, conoscenze, relazioni. In ogni dove, a scuola dei figli, contro l’inquinamento, per la cultura, per la musica, per l’amore, per chi è debole, ognuno dove può, come può.
Questa possibilità dobbiamo proprio usarla tutta, senza lasciare nulla di intentato. Senza cedimenti, senza badare al nostro piccolo interesse momentaneo.
Spina diritta, mente quieta e cuore tranquillo.
Ecco.
Questo è oggi per me la resistenza.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>