Un altro mondo

Non è spiritoso, non svela nulla di clamoroso, ma è importante.

Ci sono molte cose, personaggi, concezioni e informazioni, che hanno fatto irruzione piuttosto prepotentemente e felicemente nella mia vita da alcuni mesi.
Giusy dice che: “quando l’allievo è pronto, arriva il maestro”.

Si vede che ero pronto.

Difficile mettere insieme tutte queste cose, crearne un flusso coerente, un insieme fruibile e trasmissibile:
Emilio Del Giudice e le sue geniali sinteticissime locuzioni sociali sulla dicotomia economia/risonanza,
o Masaru Emoto e le spettacolari foto delle forme dell’acqua, Castaneda, i Maya, Jeremy Rifkin e le visionarie implicazioni della Terza Rivoluzione Industriale, l’Internet delle cose, e tante altre….

Poi un giorno trovo uno che l’ha fatto.

Ma bene, approfonditamente, col cuore, con tanta testa e tanto coraggio, senza soldi.
Via
In macchina con moglie e operatore: e in aereo, dagli Hopi e da Masaru, da Emilio Del Giudice a Napoli.
E poi Citro.
Che spiega, ma davvero, che siamo ologrammi, in pratica.

Bene.

Leggetevi, insomma, “Un altro mondo” di Thomas Torelli e vedetevi il film, e delle trame infami della fiction politica attuale vi interesserà un pò meno.
E delle meschinità dei Potenti, vi farete sberleffi.

Non che non sia necessario Fare il bene, ma appunto, è necessario fare solo quello.

Non perdiamoci dietro a mille diatribe insulse.

Sogniamo, voliamo, gioiamo..

Amiamo.

Il resto, non conta.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>