Abbiamo paura

Abbiamo paura.Di tutto.

Di rimanere senza soldi, di ammalarci, di morire, di invecchiare, delle rughe, degli incidenti, del traffico, degli animali, degli insetti, dello sporco, di cosa pensano di noi, dei neri, degli zingari, dei musulmani, dei camion, dei computer, delle cose che non capiamo, dei precipizi, del domani, del futuro, del presente, delle bollette, di equitalia, degli odori, dei germi, dei batteri, dei virus, del’influenza, dei vaccini, di esser giudicati, di non esser compresi, di esser abbandonati, di esser lasciati, di rimanere soli, di esser brutti, di non piacere, di non riuscire, degli altri, di noi stessi, del buio, degli stupidi, di sembrar stupidi, della moltitudine, della solitudine, del freddo, della notte, della notte dell’anima, dei violenti, delle rapine, dei furti, della burocrazia, di perder chi amiamo, di perderci, di non sapere, di sapere, dei ragni, dei serpenti, dei terremoti, della grandine, dei tuoni, della crisi, di perdere il lavoro, della guerra, del silenzio, dei tremori, dei rumori, di non dormire, di non svegliarci, dell’ignoranza, dei cattivi, di esser buoni, di esser fragili, di sembrare fragili, delle seccature, della fame, della prigione, degli spari, delle paludi, dei dirupi, delle profondità, della noia, di esser feriti, degli ospedali, di un malore, delle onde, dei tumori, dei veleni, di ingrassare, di Dio, del vento, dei ruggiti, dei sibili, delle sirene, del dolore, dei ricordi, di ammettere, di soffrire ancora, di non sentire niente, di bruciarci, degli assassini, dei ladri, della polizia, delle armi, dell’ufficiale giudiziario, delle nostre reazioni, delle reazioni altrui, dei debiti, delle inondazioni, del conto, delle multe, dei “gialli”, di far ridere, di non essere all’altezza, della bassezza, delle altezze.
Abbiamo paura dei social network, degli ogm, del chip sotto pelle, del nuovo ordine mondiale, della Cia, della privacy, di internet, dei pedofili, di lasciar soli i bambini, degli attentati, di andar per strada, delle buche, del brecciolino, dei motorini, delle scie, dei cinesi, della prova costume, delle smagliature, della melamina, di fukushima, delle bisce, del sole.

Di non farcela.
Abbiamo paura della paura.

Di amare.
Del mare.

Bisogna insegnare ai bambini a non aver paura.
E a guardare il cielo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>