Ma dai si, rimaniamo in pace

Cinque paesi – America, Russia, Germania, Cina e Francia – coprono i tre quarti delle esportazioni internazionali di armi negli ultimi cinque anni. In questo lasso di tempo, la Cina ha triplicato la sua quota, superando la Francia, ed è sulla buona strada per superare la Germania e diventare il terzo più grande trafficante di armi.

Complessivamente le vendite tra il 2009 e il 2013 sono statesuperiori del 14% rispetto al quinquennio precedente, secondo la Stockholm International Peace Research Institute, che segue il commercio di armi. La Cina vende armi in 35 paesi principalmente a basso e medio reddito, ma è anche un grande importatore (i due terzi delle sue armi provengono dalla Russia). L’America esporta in oltre 90 nazioni, con gli aerei che costituiscono la maggior parte delle sue vendite. La Russia esporta più navi di qualsiasi altro paese. Le sue esportazioni di armi sono aumentate significativamente, grazie anche ad essere più grande fornitore dell’India, il principale importatore di armi.
—————————————-——————–
Guerre attuali in corso
Asia:

(29 Stati e 209 tra milizie-guerrigliere, gruppi terroristi-separatisti-anarchici coinvolti)

Punti Caldi: Egitto (guerra contro militanti islamici ramo Stato Islamico), Libia (guerra civile in corso), Mali (scontri tra esercito e gruppi ribelli), Mozambico (scontri con ribelli RENAMO), Nigeria (guerra contro i militanti islamici), Repubblica Centrafricana (spesso avvengono scontri armati tra musulmani e cristiani), Repubblica Democratica del Congo (guerra contro i gruppi ribelli), Somalia (guerra contro i militanti islamici di al-Shabaab), Sudan (guerra contro i gruppi ribelli nel Darfur), Sud Sudan (scontri con gruppi ribelli)

Asia:

(16 Stati e 165 tra milizie-guerriglieri, gruppi terroristi-separatisti-anarchici coinvolti)

Punti Caldi: Afghanistan (guerra contro i militanti islamici), Birmania-Myanmar (guerra contro i gruppi ribelli), Filippine (guerra contro i militanti islamici), Pakistan (guerra contro i militanti islamici), Thailandia (colpo di Stato dell’esercito Maggio 2014)

Europa:

(9 Stati e 80 tra milizie-guerriglieri, gruppi terroristi-separatisti-anarchici coinvolti)

Punti Caldi: Cecenia (guerra contro i militanti islamici), Daghestan (guerra contro i militanti islamici), Ucraina (Secessione dell’autoproclamata Repubblica Popolare di Donetsk e dell’autoproclamata Repubblica Popolare di Lugansk), Nagorno-Karabakh (scontri tra esercito Azerbaijan contro esercito Armenia e esercito del Nagorno-Karabakh)

Medio oriente:

(7 Stati e 236 tra milizie-guerriglieri, gruppi terroristi-separatisti-anarchici coinvolti)

Punti Caldi: Iraq (guerra contro i militanti islamici dello Stato Islamico), Israele (guerra contro i militanti islamici nella Striscia di Gaza), Siria (guerra civile), Yemen (guerra contro e tra i militanti islamici)

Americhe:

(5 Stati e 25 tra cartelli della droga, milizie-guerrigliere, gruppi terroristi-separatisti-anarchici coinvolti)

Punti Caldi: Colombia (guerra contro i gruppi ribelli), Messico (guerra contro i gruppi del narcotraffico)
—————————————-——————

Totale degli Stati coinvolti nelle guerre 67
Totale Milizie-guerriglieri e gruppi terroristi-separatisti-anarchici coinvolti 715





Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>